Zero seme


TORNA A ELENCO


tipologia:
libro-oggetto
nr. archivio:
272
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
s. d.
anno ordinamento:
1981
tecnica e materiali:

carta e astuccio di carta

dim. senza cornice:
dim. con cornice:
dimensioni: 31,5 x 13,3 x 2 cm
desc. stato opera:
altri autori:

Gisella Meo, Chima Sunada

iscrizioni e firme:

s.f. - versione in giapponese con interventi di scrittura di Chima Sunada

esemplari tiratura:
9 esemplari
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
Archivio Bentivoglio, Roma [esemplare n. 3/9)

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:
didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:
condition report:
doc. condition:

scheda storica:

La struttura del libro è stata eseguita dall’artista Gisella Meo, e realizza la forma di un uovo, aprendosi a 360 gradi. Le pagine diventano degli spicchi, aspetto che verrà ricordato nell’Hyper Ovum, grande struttura lignea eseguita nel 1987.

Questa tiratura di Zero-seme ha visto anche la collaborazione della giapponese Chima Sunada, specializzata in calligrammi modificati, e nella tecnica dello Sho do. 

La struttura del libro in effetti ricorda quelle decorazioni tipicamente giapponesi che si aprono riutando sul loro asse e facendo toccare le estremità. Rosaria Abate

note:

Schede collegate: 270

note compilatore:
credit line: