Viva e abbasso (genesi della vi doppia)


TORNA A ELENCO



Viva e abbasso (genesi della vi doppia), 1995

Download


retro

Download

tipologia:
fotocollage
nr. archivio:
143
nr. inventario:
146GR114
nr. inventario 2: 153AMBop
anno:
1995
anno ordinamento:
1995
tecnica e materiali:

fotocollage (elaborazione digitale)

dim. senza cornice:
61 x 51 cm
dim. con cornice:
dimensioni:
desc. stato opera:
altri autori:
iscrizioni e firme:

sul fronte, titolo, firma e data
nel retro, scritta autografa: "Elaborazione digitale, Prova unica, "Genesi della vi doppia (Viva e abbasso)", firma e data

esemplari tiratura:
pezzo unico, in questa versione e dimensione
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
Archivio Bentivoglio, Roma

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:
didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:
condition report:
doc. condition:

scheda storica:

L’artista ha realizzato più versioni di questa opera, ritagliando le figure maschile e femminile dal dipinto di Guido Reni, Atalanta e Ippomene (1620 ca.). Mirella Bentivoglio isola la sagoma dei protagonisti della scena della corsa, e riconosce nell’incrociarsi delle gambe la genesi di una W. Lettera che, come quelle componenti la parola “amore”, è ritagliata dai corpi dei due personaggi mitici. Rosaria Abate

note:

Schede collegate: 141; 143; 244; 380

note compilatore:

Si tratta di un’elaborazione digitale del lavoro precedente (1992)

Esistono più versioni di questo tema, di cui compaiono varianti nella tecnica, e differenze nella datazione. Tuttavia bisognerebbe verificare presso le eredi se vi sono tante realizzazioni quante schede presenti nel database, o se talvolta si tratta di inserimenti doppi. (R. A.)

Scrivere a Frances Pohl e chiedere se una di queste versioni era in mostra al Pomona, oppure se ne hanno ancora un’altra che è inserita nella loro collezione (R. A.)

 

credit line:
Archivio Bentivoglio Roma