Pagina-finestra (Piove)


TORNA A ELENCO





Particolare del piedestallo con logo dell’edizione (LC) e numerazione esemplare (70/90)

Download

tipologia:
oggetto
nr. archivio:
429
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
1971
anno ordinamento:
1971
tecnica e materiali:

serigrafia su plexiglas

dim. senza cornice:
dim. con cornice:
dimensioni: 36 x 20 x 8 cm ciascuno, 33 x18 cm
desc. stato opera:

L'Archivio possiede sei esemplari completi, numerati, con piedestallo originale (base in plexiglas con una fenditura realizzata per posizionare due lastre in plexiglas rettangolari), piedestallo firmato e con logo dell'edizione; più un esemplare con piedestallo non originale, e un altro esemplare incompleto (privo della base)

altri autori:
iscrizioni e firme:

proprietà dell'Archivio: serigrafie su plexiglas con piedestallo originale, firmate; serigrafia su plexiglas con piedestallo non originale, firmata; serigrafia su plexiglas incompleta, firmata

esemplari tiratura:
90 esemplari numerati sul piedestallo; esemplare con piedestallo non originale, non numerato; serigrafia incompleta, non numerata
edizione:
multiplo in 90 esemplari, edizioni LC (Lacava), Roma, 1971

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
- Archivio Bentivoglio, Roma [esemplari nn. 32,46,49,60,74/90]
- collezione privata, Atene [esemplare n. 12/90]
- Fondazione Museion Museo d'arte moderna e contemporanea, Bolzano [esemplare n. 29/90]
- collezione privata, Senigallia (Ancona) [esemplare n. 89/90]

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:

Umbro Apollonio e Renato Barilli, Bentivoglio, Schwarz, Milano, 1971

Umbro Apollonio, Artistas italianos de hoje na XII bienal do Museu de Arte Moderna de São Paulo du Brasil, San Paolo del Brasile, 1973

Piero Pacini, Apollinaire e la Bentivoglio visualizzano la pioggia, in “Il Cristallo”, Bolzano, anno XVIII, n. 2, agosto 1976

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, edizioni Coopedit, Macerata, 1984

Renato Barilli, Maria Grazia Tolomeo, Mirella Bentivoglio. Dalla parola al simbolo, con antologia critica, De Luca, Roma, 1996

Anna Maria Lelli, Frances K. Pohl, Krystyna Wasserman, The Visual Poetry of Mirella Bentivoglio, con antologia critica,  De Luca Editore, Roma, 1999

Rosaria Abate, Rompere le parole – la poesia di Mirella Bentivoglio, in Roberto Borsellini e Graziella Cirri (a cura di), Gubbio 2016 – XXVI Biennale di scultura, Silvana Editoriale, Cinisello Balsamo (Milano), 2016

Nicoletta Boschiero (a cura di), Quanto Bentivoglio?, Tlon, Roma, 2022 

didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:

Figura nell’elenco delle opere esposte alla prima personale alla Galleria Arturo Schwarz, Milano, inverno 1971-72

Mirella Bentivoglio, sala personale in Artistas italianos de hoje na XII bienal do Museu de Arte Moderna de São Paulo du Brasil, San Paolo del Brasile, 1973

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, Macerata, Pinacoteca e Musei Comunali, febbraio 1984

Mirella Bentivoglio. Dalla parola al simbolo, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 10-28 ottobre 1996

The Visual Poetry of Mirella Bentivoglio, Washington, The National Museum of Women in the Arts, 1 marzo -12 giugno 1999, Istituto Italiano di Cultura, 2-31 marzo 1999

Quanto Bentivoglio?, a cura di Nicoletta Boschiero, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, 18 ottobre 2022 – 29 gennaio 2023

condition report:
doc. condition:

scheda storica:

L’opera è una realizzazione di poesia concreta, ma di carattere oggettuale: ha la misura di una pagina, e la trasparenza di una finestra. Le virgolette a loro volta sommano convenzione scrittoria e raffigurazione iconica: sono il segno di ripetizione e immagine della goccia. La pioggia, in effetti, è una goccia che si ripete. Questa poesia concreta è del 1971, l’esecuzione in carta datata 1970 potrebbe costituire una prima ideazione del lavoro oggettuale. Rosaria Abate

note compilatore:
credit line: