Moon/ument


TORNA A ELENCO



MOON/UMENT, 2011

Download

tipologia:
collage
nr. archivio:
482
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
2011
anno ordinamento:
2011
tecnica e materiali:

elaborazioni di foto e collage

dim. senza cornice:
45 x 22 cm
dim. con cornice:
dimensioni:
desc. stato opera:
altri autori:
iscrizioni e firme:

sul fronte a sinistra titolo, a destra firma e data

esemplari tiratura:
ex unico
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
collezione privata, Roma

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:
didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:
condition report:
doc. condition:

scheda storica:

Mirella Bentivoglio raccontava che, quando costruiva l’Hyper Ovum (1987) per la Torre del Lebbroso, si rese conto che l’uovo piccolo contenuto all’interno della struttura poteva sperimentare potenzialmente le fasi lunari, per l’ombra gettata da punti diversi degli spicchi di legno, delle parentesi.

Fin dal 1971, con Inno muto alla notte, l’artista identifica la falce lunare con la parentesi. Con Eclisse ed Eclissi alchemica l’uovo diviene la matrice della parentesi-silenzio e della paretesi-luna. Riferiva l’artista che “il rapporto uovo-parentesi-luna si faceva sempre più esplicito”. E che “l’assenza di acqua sulla luna sembra equivalere all’assenza di voce femminile sulla terra. La luna è il limbo, come la donna emarginata, e ha bisogno della terra”.

L’uovo, come simbolo primordiale della vita, “restituisce la terra alla luna e la luna alla terra”. 

Rosaria Abate

note:

Schede collegate: 185

note compilatore:
credit line: