Litolattine


TORNA A ELENCO



Litolattine, 1998

Download


Litolattine, 1998

Download

tipologia:
libro-oggetto
nr. archivio:
547
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
1998
anno ordinamento:
1998
tecnica e materiali:

ferro, alluminio, latta

dim. senza cornice:
dim. con cornice:
dimensioni: 14,5 x 9,7 x 5,2 cm
desc. stato opera:
altri autori:
iscrizioni e firme:

all'interno, in basso, data e firma

esemplari tiratura:
pezzo unico
edizione:

autentica:
Leonetta Bentivoglio
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
proprietà:
collezione privata, Roma

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:
Paolo Cortese e Davide Mariani (a cura di), Mirella Bentivoglio. L’altra faccia della Luna, Postmedia Books, Milano 2022
didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:
Il riscatto della lattina,Roma, Palazzo delle Esposizioni, 1998
 
Mirella Bentivoglio – L’altra faccia della luna, a cura di Paolo Cortese e Davide Mariani, Stazione dell’Arte, Ulassai (Nuoro), 2021, Galleria Gramma_Epsilon, Atene, 2022
 
condition report:
doc. condition:

scheda storica:

Il nome di questa tipologia di libri-oggetto deriva da quello della fabbrica ligure “Litolatta” in cui, negli anni Trenta, vennero confezionati i libri futuristi di latta, primi volumi realizzati in materiale atipico. A differenza di quegli antesignani del libro sperimentale, queste creazioni della Bentivoglio indicano un diverso approccio alla costruzione di un’opera: non più pagine progettate e litografate, ma “trovate” sulla strada, fornite dal caso, e portatrici dei segni della loro provenienza consumistica. Pagine esistenziali, pressate dalle ruote delle macchine ai bordi dei marciapiedi. Sulla copertina è posto  come un sigillo, al centro della faccia esterna, un tappo metallico di una bottiglia di bibita, anch’esso schiacciato, e applicato alla rovescia, in modo che se ne veda l’interno. In questa realizzazione, sono utilizzate esclusivamente lattine di Coca Cola, con l’inconfondibile colore rosso che Mirella Bentivoglio aveva già adottato ne Il cuore della consumatrice ubbidiente. Interessante inoltre come Mirella Bentivoglio rintracciasse un rapporto riecheggiato tra bottiglia e pagina nel noto calligramma quattrocentesco di Rebelais, La bouteille: “è il mondo del consumo corporale che ironicamente si sposa al mondo della parola, in contrasto e riscatto”. Rosaria Abate

note:

Schede collegate: 608

note compilatore:
credit line: