Lapide alla casalinga


TORNA A ELENCO



Lapide alla casalinga, 1974

Download

tipologia:
oggetto
nr. archivio:
469
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
1974
anno ordinamento:
1974
tecnica e materiali:

ferro, perspex

dim. senza cornice:
dim. con cornice:
dimensioni:
desc. stato opera:

l'opera si compone di due pezzi: una croce e una base di perspex

altri autori:
iscrizioni e firme:
esemplari tiratura:
pezzo unico
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
Archivio Bentivoglio , Roma

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, edizioni Coopedit, Macerata, 1984

Renato Barilli, Maria Grazia Tolomeo, Mirella Bentivoglio. Dalla parola al simbolo, con antologia critica, De Luca, Roma, 1996

Angela Madesani (a cura di), Per-Turbamenti, Nicolodi, Rovereto (Trento), 2005

didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:

Bentivoglio, Milano, Galleria Studio Santandrea, 16 gennaio – 12 febbraio 1975

Mirella Bentivoglio – Ab Eva, Roma, Galleria Spazio Alternativo, 5-7 marzo 1979

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, Macerata, Pinacoteca e Musei Comunali, febbraio 1984

Mirella Bentivoglio – Simbolo come struttura, Roma, Centro di Sperimentazione Artistica Sala 1, 6-30 aprile 1984

Mirella Bentivoglio – Dalla parola al simbolo, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 1996

Per-turbamenti, a cura di Angela Madesani, San Donato Milanese (Milano), Galleria d’Arte Contemporanea – Cascina Roma, 6 marzo – 2 maggio

 

condition report:
doc. condition:

scheda storica:

Lavoro concepito come elemento trovato, con una connotazione al femminile, in anni di decisa ribellione della donna all’emarginante ruolo domestico. Mirella Bentivoglio ha rintracciato in questo elemento metallico, facente parte del sistema di risciacquo nella lavastoviglie, una somiglianza con una croce medievale, dove i fori per l’acqua e per il “brillantante” potevano evocare, secondo l’artista, i castoni per le gemme. Non è definito se la relazione tra femminile e lavoro domestico è, nella scelta di questo oggetto, espressa mediante una simbologia che ne rappresenta l’attività (e dunque anche la fine di questo ruolo, dal momento che si tratta di una lapide, di una commemorazione estinta); o la sostituzione stessa dell’attività della donna da parte dello strumento che ne agevola il lavoro casalingo: probabilmente, nelle intenzioni dell’artista, la lettura è duplice. Ma, in ogni caso, tale simbologia potrebbe essere comunque colta come una metonimia: che rappresenta la parte per il tutto, lo strumento per chi lo adopera.  Rosaria Abate

note:
note compilatore:
credit line:
Ph. E. Loi, S, Melis, Arasolè.