Il disgelo del libro


TORNA A ELENCO


tipologia:
libro-oggetto
nr. archivio:
572
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
1986
anno ordinamento:
1986
tecnica e materiali:

onice trasparente, letraset

dim. senza cornice:
dim. con cornice:
dimensioni: 16 x 20 cm
desc. stato opera:
altri autori:
iscrizioni e firme:
esemplari tiratura:
pezzo unico
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
collezione di Loriano Bertini, Prato
proprietà:
Biblioteca Nazionale Centrale, Firenze

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:

Arturo Carlo Quintavalle (a cura di), Mirella Bentivoglio. Hyper Ovum, Fabbri Editori, Milano, 1987 Ralph Jentsch (a cura di), The Artist and the Book in Twentieth Century Italy, Umberto Allemandi & C., Torino, 1992

Renato Barilli, Maria Grazia Tolomeo, Mirella Bentivoglio. Dalla parola al simbolo, con antologia critica, De Luca, Roma, 1996

Anna Maria Lelli, Frances K. Pohl, Krystyna Wasserman, The Visual Poetry of Mirella Bentivoglio, con antologia critica, De Luca Editore, Roma, 1999

didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:

Mirella Bentivoglio. Hyper Ovum, Aosta, Torre del Lebbroso, 14 novembre 1987 – 31 gennaio 1988

The Artist and the Book in Twentieth Century Italy (a cura di Ralph Jentsch), New York, Museum of Modern Art, 15 ottobre 1992 – 16 febbraio 1993

Mirella Bentivoglio. Dalla parola al simbolo, Roma, Palazzo delle Esposizioni, 10-28 ottobre 1996

The Visual Poetry of Mirella Bentivoglio, Washington, The National Museum of Women in the Arts, 1 marzo -12 giugno 1999, Istituto Italiano di Cultura, 2-31 marzo 1999

condition report:
doc. condition:

scheda storica:

Un volume in onice il cui aspetto richiama il ghiaccio, dove le chiazze naturali evocano le impronte sulla neve. Il verso applicato coi trasferibili, “Ceci n’est pas un hiver” fa riferimento alla celebre  frase di Magritte che funge da didascalia alla rappresentazione di una pipa, tema proposto dall’artista francese in numerose versioni, dal 1928 al ’66. Naturalmente il pittore surrealista puntava sulla contraddizione tra l’immagine e l’enunciato. La cura nella rappresentazione della pipa, dipinta nella maniera più riconoscibile, come quella di un abbecedario scolastico, gli permetteva di accentuare maggiormente l’assurdità, la non corrispondenza tra la rappresentazione, il linguaggio e la realtà referenziale. Anche la frase sul libro-oggetto di Bentivoglio è impostata su una contraddizione, su una negazione espressa attraverso una somiglianza: se il materiale impiegato sembra evocare il ghiaccio e la neve, l’accostamento con la scritta rivela che l’inverno è solo un’illusione. La discordanza tra la rappresentazione di una cosa e la cosa stessa è impiegata per esprimere il concetto di come l’intero oggetto costituisca una poesia – e non la rappresentazione di una poesia – poiché non è solo il verso a parlare ma la materia stessa. Come spiega Mirella Bentivoglio: “Questo libro non è un inverno perché non è un frigido tramite di poesia ma è esso stesso poesia”. Rosaria Abate

note compilatore:
credit line: