tipologia:
grafica
nr. archivio:
358
nr. inventario:
nr. inventario 2:
anno:
(1974)
anno ordinamento:
1974
tecnica e materiali:

serigrafia bianca su nero tra due plexiglas

dim. senza cornice:
51 x 51 cm
dim. con cornice:
dimensioni:
desc. stato opera:
altri autori:
iscrizioni e firme:

fronte in basso firma

esemplari tiratura:
80 esemplari
edizione:

autentica:
autentica data:
autentica autore:
autentica doc.:
autentica autore:

provenienza:
studio dell'artista
proprietà:
Archivio Bentivoglio, Roma [esemplare n. 63/80]

valore:
valore assicurativo:
collocazione:
movimentazione:
perizie:
doc. perizie:

restauri:
doc. restauri:

bibliografia:

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, edizioni Coopedit, Macerata, 1984

didascalia:

La bugia, 2005

didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:
didascalia:
doc. contrinuto:

esposizioni:

Mirella Bentivoglio – La poesia fatta pietra, Macerata, Pinacoteca e Musei Comunali, febbraio 1984

condition report:
doc. condition:

scheda storica:

Le due C della parola “Ciclo” poste specularmente l’una davanti all’altra, vengono identificate con le due fasi della Luna, calante e crescente. In questo modo completano la parola dando forma alla lettera finale O del termine, e raffigurando lo stadio della luna piena. Il richiamo all’universo femminile può essere colto nella scelta di rappresentare quella fisiologica ciclicità che accomuna il satellite della Terra alla donna, e che in tale rappresentazione grafica è sintetizzata nelle fasi periodiche del mese lunare. Rosaria Abate

note:
note compilatore:
credit line: